<%@ Language=Eredita dal Web %> Notizie di Foggia e Provincia di Foggia - Meridiano 16
 

Chi siamo

Come abbonarsi

L' ultimo numero

Contatti

Cerca nel sito

powered by FreeFind

   

Il fantasma del Piano del Parco del Gargano

   
 

 


 

Foggia.Un fantasma si aggira per il Promontorio del Gargano: è il Piano del Parco, scomparso ormai da anni dai radar della programmazione dell’Ente di Monte Sant’Angelo.Era il lontanissimo 2004 quando il compianto presidente del Parco Matteo Fusilli, a conclusione del suo mandato, predisponeva il principale strumento di programmazione dell’Ente, insieme al Regolamento ed al Piano Pluriennale Socioeconomico.

Un piano che dettava regole certe per le attività antropiche che si svolgono all’interno dell’area protetta e che lanciava una visione di sviluppo basata sulla valorizzazione delle peculiarità del Gargano, con l’ovvio presupposto di una loro rigorosa tutela.Da allora si sono succeduti tre presidenti senza che si venisse a capo della questione. Il successore di Fusilli, Giandiego Gatta, coerentemente con la sua visione dell’area protetta – foriera solo di vincoli e non anche di opportunità – pensò bene di chiudere il piano in un cassetto e non parlarne più fino alla scadenza del suo mandato. Stefano Pecorella invece, all’atto del suo insediamento prima come commissario e poi come presidente, assunse un preciso impegno a licenziare il piano in breve tempo ed effettivamente i suoi primi atti andarono in questa direzione, salvo poi avviare anche lui il solito gioco dello scaricabarile con la Regione Puglia e far perdere l’iter del piano nelle nebbie della burocrazia, sollevate ad arte per confondere le responsabilità.Nel 2017, all’assunzione dell’incarico di presidente facente funzioni, anche il vicepresidente Claudio Costanzucci si lanciò in ardite dichiarazioni circa l’impellente necessità di concludere l’iter di approvazione del piano, ma anche a lui due anni non sono evidentemente bastati per conseguire il risultato.Ed ora è la volta del presidente Pazienza dal quale, dopo ormai quasi sei mesi dalla sua nomina, non è ancora giunta una sola parola sulla questione. Evidentemente sta ancora studiando, come ebbe modo di rispondere ad una giornalista all’indomani dell’insediamento! Eppure di esternazioni ne ha fatte, compresa la ramanzina al padre di Greta Thumberg che, a suo dire, non tutelerebbe la figlia. Si vede che anche per lui, nel solco già tracciato dai suoi predecessori, la materia non è di quelle per le quali valga la pena perdere tempo.

È un peccato, perché invece il Piano del Parco costituisce la base per una qualsiasi idea di sviluppo del territorio. È lo strumento di programmazione attraverso il quale tutti gli operatori del territorio non solo hanno una precisa mappa di ciò che è possibile fare all’interno dell’area protetta, ma soprattutto hanno una chiara visione della direzione che l’Ente parco intende intraprendere per valorizzare le peculiarità del territorio e per fare finalmente sistema.È quello che ha capito da tempo il più giovane e dinamico Parco dell’Alta Murgia che già da qualche anno ha completato l’iter del piano e che, rispetto agli stakeholder del territorio, ha assunto una decisa leadership.Ma evidentemente sul Gargano si preferisce vivacchiare e tenersi le mani libere per approvare o respingere i progetti e le iniziative pubbliche e private sulla base della convenienza politica del momento. Non a caso nel bilancio dell’Ente esiste un capitolo di spesa omnibus, buono per ogni evenienza, denominato "Interventi e coofinanziamento Azioni di interesse Ambientali, Vegetazionali, Storico – Culturali ed Archeologiche nonché Tradizioni Popolari ed Enogastronomiche" che concentra la gran parte delle risorse dell’ente.Non ci stupiamo allora se la Capitanata occupa stabilmente i bassifondi di tutte le classifiche della qualità della vita.Ciò che stupisce è che questo stato di cose sia ancora tollerato dal Ministero dell’Ambiente il quale non ancora avvia la procedura di commissariamento dell’Ente prevista dalla legge quadro sulle aree protette.Non resta quindi che rivolgere l’ennesimo e scoraggiato appello all’Ente parco e alla Regione Puglia perché si giunga al più presto alla conclusione dell’iter approvativo del piano e si inizi finalmente a parlare di una nuova stagione per il Parco del Gargano.(WWF)


 

 

 

 

   

 

 

Statistiche