<%@ Language=Eredita dal Web %> Notizie di Foggia e Provincia di Foggia - Meridiano 16
 

Chi siamo

Come abbonarsi

L' ultimo numero

Contatti

Cerca nel sito

powered by FreeFind

   

Il rettore dell'Università di Plovdiv ospite dell'Ateneo di Foggia

 


 

Nei giorni scorsi – esattamente giovedì 1° giugno – il prof. Dimitar Dimitrov, Rettore dell’Università di Economia, Agraria e Sviluppo rurale di Plovdiv, ha reso visita ufficiale all’Università di Foggia. Ricevuto prima al Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente, diretto dal prof. Agostino Sevi, poi a Palazzo Ateneo dal Rettore prof. Maurizio Ricci, il prof. Dimitrov ha analizzato i già ottimi rapporti di collaborazione tra i due Atenei. «La sua presenza presso la nostra Università – spiega il prof. Antonio Stasi, ricercatore in Economia ed estimo rurale del Dipartimento di Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente – potrebbe avere un ruolo fondamentale per il consolidamento degli accordi già esistenti, in materia di scambio di studenti e ricercatori nell’ambito del progetto Erasmus+. Inoltre l’incontro è stata un’occasione utile, istituzionalmente la migliore, per invitare di persona i maggiori rappresentanti dell’Università di Foggia alla cerimonia del venticinquesimo anniversario dell’Università di Plovdiv. Durante l’incontro si è anche valutata la similarità dei programmi di insegnamento, a garanzia dell’efficacia dello scambio degli studenti tra le due istituzioni accademiche. Infine sono state vagliate le problematiche economico-agrarie dei due territori, quindi prese in analisi le opportunità di eventuali collaborazioni future che, dopo questo incontro, saranno certamente più intense e più frequenti». Seconda città della Bulgaria con oltre 330mila abitanti, Plovdiv è la storica Capitale della Tracia e insieme a Matera, lo scorso 17 ottobre 2015, è stata designata come Capitale europea della cultura per il 2019. Quella di Plovdiv è una delle migliori Università bulgare, potendo contare su sedi e dipartimenti dislocati praticamente su tutto il territorio nazionale. Oltre ad essere Rettore, il prof. Dimitar Dimitrov è anche presidente dell’organismo che potrebbe essere ritenuto l’equivalente dell’italiana AISSA (Associazione Italiana delle Società Scientifiche Agrarie), quindi è anche uno stimato ricercatore in "Gestione strategica delle imprese e delle istituzioni" nonché autore di numerosi libri di poesia (premiati e tradotti in diverse lingue). Al termine dell’incontro al Dipartimento di Scienze agrarie, il prof. Dimitar Dimitrov è stato ricevuto a Palazzo Ateneo dal Rettore prof. Maurizio Ricci, per l’occasione insieme alla delegata alla Mobilità internazionale studentesca, prof.ssa Chiara Porro, e alla collaboratrice al Settore relazioni internazionali – Erasmus, dott.ssa Maria Ciavarella, per un confronto ancora più operativo sulla cooperazione tra i due Atenei e sulle possibilità strategiche di collaborazione per lo sviluppo di azioni congiunte. «Il nostro Ateneo ha sempre guardato con interesse ad Est – ha dichiarato il Rettore dell’Università di Foggia – sviluppando ottimi rapporti di cooperazione con altri Atenei della penisola balcanica e favorendo docenti e studenti che hanno deciso di intraprendere un’esperienza in alcuni di quei Paesi. Con l’Università di Plovdiv lavoreremo in questa direzione, anche in considerazione del grande appuntamento che aspetta la città bulgara, proclamata Capitale europea della cultura per l’anno 2019: evento di assoluto interesse, che potrebbe coinvolgerci come territorio oltre che come istituzione». Alla luce dell’importanza che via via vanno assumendo in ambito di assegnazione del FFO (Fondo di finanziamento ordinario delle Università italiane, attribuito dal Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca universitaria), la prof. Chiara Piccoli ha proposto al Rettore dell’Università di Plovdiv «di far presentare candidature ai suoi dottorandi anche presso la nostra Università, quando ci saranno delle chiamate che ne consentiranno l’assunzione con le formule stabilite dalla legge: sarebbe un modo per intensificare la nostra collaborazione e per aprire, sempre di più, frontiere e mentalità del nostro Ateneo».

 

 

 

 

 

 

   

 

Statistiche