<%@ Language=Eredita dal Web %> Notizie di Foggia e Provincia di Foggia - Meridiano 16

 

Notizie Foggia e Provincia  

Chi siamo

Come abbonarsi

L' ultimo numero

Contatti

Cerca nel sito

powered by FreeFind

   

EMILIANO INAUGURA UNITÀ DI CHIRURGIA VASCOLARE AL "DI VENERE" DI BARI 

 

 

 

 

 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha visitato reparti rinnovati e ristrutturati dell’Ospedale "Di Venere" di Bari, e ha inaugurata la Nuova U.O.C. di Chirurgia vascolare, Pneumologia e UTIR, Servizio di endoscopia digestiva e della sala operatoria presso il blocco parto, dove è assicurata h24 l’assistenza con un dirigente medico ginecologo nonché un dirigente medico anestesista dedicato e dove è anche assicurata h24 la partoanalgesia.

"Ringrazio il direttore generale Asl Bari Antonio Sanguedolce, il direttore sanitario Silvana Fornelli, il direttore di presidio Alessandro Sansonetti e tutti coloro che con determinazione hanno contribuito al raggiungimento di questi risultato. La chirurgia vascolare del Di Venere è un reparto di eccellenza, uno dei migliori del centro sud, c'è stato uno sforzo notevolissimo per questa ristrutturazione.Tutto questo consente non solo un trattamento più civile e umano dei pazienti, ma soprattutto dà maggiore sicurezza e tranquillità anche a tutti gli operatori ai quali io debbo la mia gratitudine. La Puglia è risalita nei livelli essenziali di assistenza dal penultimo posto alla parte alta della classifica italiana, grazie all’impegno di tutti.

Stiamo inaugurando decine e decine di reparti nuovi in tutta la Puglia, però ci serve adesso il personale: il piano di riordino, lo dico ancora una volta è servito soprattutto ad avere le autorizzazioni a fare le assunzioni. Nessun ospedale è stato chiuso, se abbiamo riconvertito qualche ospedale per acuti in lungodegenza o per cronicità, lo abbiamo fatto per riutilizzare meglio il personale e per avere le autorizzazioni dal Ministero dell'Economia e Finanze a fare nuove assunzioni per abbattere le liste d'attesa e sollevare la fatica nelle corsie". Il P.O. Di Venere dopo questi interventi complessi si avvia quindi ad essere punto di riferimento fondamentale per la domanda di salute dei cittadini pugliesi.

Attraverso queste opere si completa, infatti, la ristrutturazione degli ambienti del padiglione "B" (per acuti) del P.O. "Di Venere" di Bari-Carbonara sulla base degli indirizzi dati dalla Direzione Strategica Aziendale con la riorganizzazione delle varie funzioni ospedaliere del padiglione concentrandole per affinità assistenzialee per intensità di cureindividuando le seguenti aree: area dell'emergenza (pronto soccorso, rianimazione, cardiologia e UTIC, pneumologia e UTIR), incentrata sugli edifici bassi; area delle degenze, concentrata principalmente nell’edificio alto, con interventi di ristrutturazione tesi a migliorare il comfort dei pazienti (ostetricia-ginecologia, UTIN-neonatologia-nido, urologia, endoscopia digestiva, chirurgia generale, ortopedia, otorino, neurochirurgia, neurologia, chirurgia vascolare, nefrologia-dialisi, medicina interna, oculistica); blocco operatorio con n. 8 sale operatorie e n. 2 sale operatorie dedicate alle UU.OO. urologia e chirurgia vascolare;area di accoglienza ai servizi dell'ospedale (URP-accoglienza, CUP, attesa e altre funzioni di conforto);area dei servizi diagnostico-terapeutici aperti all'accesso di Pazienti ambulatoriali (poliambulatori vari e dermatologia, radiologia, medicina nucleare unica aziendale, ecc.), concentrati a piano terra in una parte dell'edificio in diretto collegamento con l'ingresso principale del presidio;radiologia interventistica: in via di ultimazione;area dedicata alle UU.OO. di medicina fetale e genetica medica; area dei servizi diagnostici di laboratorio (laboratorio analisi unico aziendale in via di realizzazione, anatomia patologica), concentrata in un’area dell’edificio appartata rispetto alle strutture dedicate alla gestione dei Pazienti; area dei servizi di supporto (spogliatoi, centrali tecniche, lavanolo) prevalentemente concentrata nell'ambito del piano interrato. Con gli interventi realizzati si è completato l’integrazione tra le aree dipartimentali e le aree critiche. È stato un intervento complesso, lungo e faticoso che ha consentito al P.O. Di Venere di diventare punto di riferimento importante per la domanda di salute nell’intero territorio pugliese in forma moderna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Statistiche